Palazzo Pretorio, Piazza Baldaccio e la Galleria Magi e Antica Via di Ronda

Al centro del primo nucleo del paese, l'edificio mostra nella facciata i segni della struttura originaria, con finestre ad arco a tutto sesto, un grande affresco situato sotto una loggia e stemmi in terracotta e pietra.

Data:
12 Febbraio 2020
Immagine non trovata

Palazzo Pretorio

Al centro del primo nucleo del paese, l'edificio mostra nella facciata i segni della struttura originaria, con finestre ad arco a tutto sesto, un grande affresco situato sotto una loggia e stemmi in terracotta e pietra.
Il piano terreno era occupato dalle prigioni. Infatti, sulla parete a sinistra delle scale, un affresco raffigura la Giustizia. L'opera, realizzata intorno al 1460, è stata attribuita ad Antonio d'Anghiari.
Notevole per i suoi affreschi è la cappella del vecchio tribunale. Il Palazzo era parte della Rocca e fu residenza dei podestà e dei vicari della Repubblica Fiorentina fin dal 1386. Fu sede del Tribunale, fino a quando nel secolo scorso non divenne Municipio.

 

Piazza Baldaccio e la Galleria Magi

Già detta del Mercatale, Piazza Baldaccio prende nome dal famoso condottiero anghiarese e sin dal 1388 vi si svolge tradizionalmente ogni mercoledi il mercato.

A fianco della piazza è l'antica Ruga di San Martino (attuale Corso Matteotti) il lungo rettifilo realizzato dal vescovo di Arezzo Guido Tarlati nei primi decenni del XIV secolo. Domina la piazza il monumento a Garibaldi, opera in bronzo dello scultore Pietro Guerri, pesante 30 quintali e ivi collocata nel 1914.

Davanti al monumento sono visibili le Colonne di Borgo , un portico con tre colonne in pietra costruito nel 1466. Chiusa la loggetta per ricavarne una bottega, gli archi furono riaperti dopo la ristrutturazione del 1928.

Davanti alle Colonne di Borgo è la Galleria Girolamo Magi, costruita nel 1882 per ospitare il mercato coperto e ottimamente restaurata cento anni dopo: originariamente chiusa sul lato che dà verso il Teatro dei Ricomposti, fu successivamente aperta consentendo il collegamento tra Piazza Baldaccio e Piazza IV Novembre, su cui si affacciano il Teatro e la Cappella Corsi, oggi trasformata in Tempietto votivo ai Caduti della prima guerra mondiale.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 12 Febbraio 2020